News - Tumore per “troppo cellulare”: Inail risarcirà il lavoratore

  • Condividi Inas.it su FaceBook

Tumore per “troppo cellulare”: Inail risarcirà il lavoratore

21-04-2017

Per la prima volta una sentenza ha riconosciuto un nesso di causa tra l’uso scorretto del cellulare e lo sviluppo di un tumore al cervello.

Il tribunale di Ivrea ha infatti condannato l'Inail a corrispondere la rendita per malattia professionale ad un dipendente Telecom affetto da una grave patologia (un neurinoma, forma tumorale benigna ma invalidante), derivata dall’uso prolungato del telefonino per motivi di lavoro per più di 3 ore al giorno nell’arco di 15 anni.

In realtà, l’effetto nocivo delle onde elettromagnetiche emesse da questo tipo di telefoni era già noto da tempo e, nel 2011, era stato inserito nel registro degli agenti cancerogeni.

Tuttavia, con questa sentenza il riconoscimento del legame tra tumori e campi elettromagnetici è avvenuto già nel primo grado di giudizio. La speranza è che la sentenza possa portare ad una maggiore consapevolezza dai danni provocati dalle onde generate dai cellulari, soprattutto tra i soggetti maggiormente a rischio come bambini e donne in gravidanza.

 

(Foto disponibile su Flickr, di glamismac, su Licenza Creative Commons)

vai all'archivio »


Continua

Questo sito Web utilizza i cookie. Continuando a utilizzare questo sito Web, si presta il proprio consenso all'utilizzo dei cookie.
Per maggiori informazioni sulle modalità di utilizzo e di gestione dei cookie, è possibile leggere l'informativa sui cookies.