News - Quattordicesima: a chi spetta?

  • Condividi Inas.it su FaceBook

Quattordicesima: a chi spetta?

14-07-2017

La legge di stabilità ha introdotto alcune modifiche riguardo alla quattordicesima mensilità.

In particolare è previsto:

  1. l'aumento degli importi a favore di coloro che risultano già beneficiari (soggetti con redditi fino a 1,5 volte il trattamento minimo);
  2. l'estensione del diritto a coloro che posseggono un reddito compreso tra 1,5 e 2 volte il trattamento minimo. Per questi nuovi beneficiari gli importi da corrispondere sono quelli che sono stati riconosciuti, fino allo scorso anno, ai soggetti indicati al punto 1;
  3. l'introduzione di una fascia di garanzia per i soggetti che posseggono redditi ai limiti delle fasce reddituali.

Per ottenere la quattordicesima è necessario aver ha compiuto 64 anni di età entro l'anno di erogazione.

Il beneficio può essere attribuito per un periodo inferiore all'anno (in proporzione ai mesi di spettanza) se la pensione ha decorrenza successiva al 31 gennaio, oppure se l'interessato compie 64 anni nel corso dell'anno.

Viene considerata tutta la contribuzione accreditata in favore del titolare della pensione. Fanno eccezione le pensioni in totalizzazione e cumulo, per le quali è presa in esame unicamente la contribuzione degli enti pubblici ed esclusa quella degli enti privatizzati.

Da quest’anno – a parità di contribuzione – gli importi della quattordicesima sono differenziati in base alla fascia di reddito relativa al beneficiario.

La quattordicesima viene corrisposta d’ufficio con la mensilità di pensione di luglio, a favore di coloro che rientrano nei limiti reddituali e hanno 64 anni di età entro il 31 luglio 2017.

Per coloro che raggiungono il requisito anagrafico dal 1° agosto al 31 dicembre 2017 e ai soggetti divenuti titolari di pensione nel corso del 2017 – naturalmente, a condizione che rientrino nei limiti reddituali previsti – il pagamento verrà disposto d'ufficio con il rateo di dicembre.

Coloro che non riceveranno la quattordicesima, e ritengano di averne diritto, possono presentare un'apposita domanda di ricostituzione on line, predisposta a favore dei pensionati di tutte le gestioni, anche rivolgendosi alla sede Inas più vicina.

 

(Foto disponibile su Flickr, di Public Domain Photos, su Licenza Creative Commons)

vai all'archivio »


Continua

Questo sito Web utilizza i cookie. Continuando a utilizzare questo sito Web, si presta il proprio consenso all'utilizzo dei cookie.
Per maggiori informazioni sulle modalità di utilizzo e di gestione dei cookie, è possibile leggere l'informativa sui cookies.