Primo piano - No al cumulo per isopensione e assegno straordinario fondi solidarietà

  • Condividi Inas.it su FaceBook

No al cumulo per isopensione e assegno straordinario fondi solidarietà

24-07-2017

L’Inps ha recentemente precisato che non è possibile esercitare la facoltà di cumulo dei contributi non coincidenti accreditati in diverse gestioni pensionistiche, per accedere all’isopensione e all'assegno straordinario previsto dai fondi di solidarietà.

In entrambi i casi, infatti, il lavoratore non ha ancora raggiunto il requisito anagrafico e contributivo previsto per la pensione di vecchiaia né, indipendentemente dal possesso dei requisiti anagrafici, ha maturato l'anzianità contributiva, adeguata agli incrementi della speranza di vita, prevista per la pensione anticipata: il possesso di una delle due condizioni è ritenuto indispensabile per poter effettuare il cumulo della contribuzione per la liquidazione del trattamento pensionistico.

Qualora, invece, il lavoratore sia già titolare di una delle prestazioni di accompagnamento alla pensione (isopensione o assegno straordinario), potrà richiedere la pensione con il cumulo della contribuzione non coincidente accreditata in altre gestioni, anche in anticipo rispetto al termine ultimo di corresponsione della prestazione stessa.

Infine, l’Inps ha ribadito che non potrà essere concesso l’assegno straordinario, finalizzato alla corresponsione della pensione anticipata, al lavoratore titolare dell'assegno di invalidità, perché quest'ultimo non può essere "trasformato" in pensione anticipata; la prestazione potrà, invece, essere concessa se finalizzata ad ottenere la pensione di vecchiaia.

 

(Foto disponibile su Flickr, di Public Domain Photos, su Licenza Creative Commons)

vai all'archivio »


Continua

Questo sito Web utilizza i cookie. Continuando a utilizzare questo sito Web, si presta il proprio consenso all'utilizzo dei cookie.
Per maggiori informazioni sulle modalità di utilizzo e di gestione dei cookie, è possibile leggere l'informativa sui cookies.