News - Previdenza complementare: novità in arrivo

  • Condividi Inas.it su FaceBook

Previdenza complementare: novità in arrivo

25-10-2017

Con l’entrata in vigore della legge annuale sul mercato e la concorrenza sono diventate operative, dal 29 agosto scorso, alcune disposizioni in materia di previdenza complementare,

La prima novità riguarda la destinazione del trattamento di fine rapporto (Tfr) ai fondi pensione: nel caso in cui gli accordi collettivi non stabiliscano la percentuale minima del Tfr maturando da destinare alla previdenza complementare, esso verrà destinato interamente a questa opzione.

In prospettiva, per rendere operativa questa norma sarà necessario un intervento di coordinamento normativo in quanto, ad oggi:

Per quanto riguarda le prestazioni pensionistiche complementari, la legge introduce la possibilità di farne richiesta con 5 anni di anticipo rispetto ai requisiti per l'accesso alle prestazioni nel regime obbligatorio, qualora la cessazione dell'attività lavorativa comporti l'inoccupazione per un periodo di tempo superiore a 24 mesi.

In tal caso, l'aderente può farne richiesta e la prestazione verrà erogata in forma di rendita temporanea fino al conseguimento dei requisiti di accesso alle prestazioni nel regime obbligatorio. Inoltre, gli statuti e i regolamenti delle forme pensionistiche complementari possono innalzare l'anticipo fino ad un massimo di 10 anni.

Il riscatto della posizione è consentito sia nelle forme di previdenza complementari collettive che in quelle individuali, anche in caso di cessazione dei requisiti di partecipazione. Infatti, a differenza di quanto avviene nella forme collettive – che sono rivolte a specifiche categorie o gruppi di lavoratori (ad esempio, dipendenti di aziende che applicano un determinato contratto collettivo nazionale di lavoro), per cui nel momento in cui l'aderente non svolge più quell'attività "perde" effettivamente i requisiti di partecipazione al fondo – le forme individuali sono rivolte potenzialmente a tutti, a prescindere dall'attività lavorativa svolta dall'aderente (il quale, anzi, potrebbe non svolgerne nessuna).

 

(Foto disponibile su Flickr, di Public Domain Photos, su Licenza Creative Commons)

vai all'archivio »


Continua

Questo sito Web utilizza i cookie. Continuando a utilizzare questo sito Web, si presta il proprio consenso all'utilizzo dei cookie.
Per maggiori informazioni sulle modalità di utilizzo e di gestione dei cookie, è possibile leggere l'informativa sui cookies.