News - Caldo e attività all’aperto: i rischi per la salute dei lavoratori

  • Condividi Inas.it su FaceBook

12-07-2018

I cambiamenti climatici in atto stanno provocando un aumento della frequenza, dell’intensità e della durata dei periodi di caldo estremo. Si tratta di una condizione che comporta rischi per i lavoratori, in particolare, per coloro che svolgono mansioni all’aperto.

Gli effetti del calore sono difficili da sopportare quando la temperatura è elevata anche all’ombra, l’umidità dell’aria è consistente e si svolgono attività fisiche particolarmente pesanti.

Nel peggiore dei casi i lavoratori possono essere vittime di colpi di calore, le cui conseguenze possono essere molto gravi e addirittura fatali.

Ci sono poi i pericoli legati alla radiazione solare ultravioletta: anni di sovraesposizione senza idonee protezioni possono provocare gravi danni alla pelle.

Oltre a eritemi e ustioni, l’esposizione ripetuta e continuata ai raggi solari è responsabile di fotoinvecchiamento e fotocarcinogenesi (tumori cutanei e melanoma).

Ogni lavoratore dovrebbe effettuare un autoesame della pelle, per evidenziare precocemente eventuali anomalie e si dovrebbero privilegiare le mansioni lavorative all’interno delle strutture o all’ombra nelle ore di maggiore intensità della luce solare. Inoltre, andrebbero indossati indumenti con tessuti a trama fitta in cotone/poliestere o capi con filtri anti UV, cappelli a larga tesa e occhiali da sole con protezione UV.

Tuttavia, anche tali accorgimenti e precauzioni potrebbero non essere sufficienti e le patologie a carico della cute e degli occhi potrebbero svilupparsi soprattutto tra i lavoratori agricoli, gli operatori ecologici, i lavoratori edili e tutti coloro che svolgono la propria attività all’aperto, per tante ore, esposti alla luce diretta del sole.

vai all'archivio »


Continua

Questo sito Web utilizza i cookie. Continuando a utilizzare questo sito Web, si presta il proprio consenso all'utilizzo dei cookie.
Per maggiori informazioni sulle modalità di utilizzo e di gestione dei cookie, è possibile leggere l'informativa sui cookies.