Primo piano - Sicurezza sul lavoro: giù gli incidenti, ma aumentano le malattie

  • Condividi Inas.it su FaceBook

Sicurezza sul lavoro: giù gli incidenti, ma aumentano le malattie

30-08-2018

Tra gennaio e luglio 2018 sono stati registrati 379.206 casi di infortunio sul lavoro, 1.030 in meno rispetto allo stesso periodo del 2017 (-0,3%). La diminuzione riguarda le donne lavoratrici (-1,2%), mentre le denunce presentate dagli uomini sono aumentate dello 0,2%.

Calano sia gli infortuni avvenuti in occasione di lavoro che quelli in itinere, che nelle statistiche più recenti avevano fatto registrare un notevole incremento.

In particolare, gli episodi sono diminuiti nei settori di industria e agricoltura, soprattutto nel Centro Italia e nelle Isole, mentre a Nord-Est e nel Sud i casi sono in aumento.

In Lombardia si registra il più elevato numero di denunce di infortuni con 71.749 casi, con un incremento rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

Per quanto riguarda l’età delle vittime di infortuni, nei primi 7 mesi del 2018 si sono registrati 5.875 incidenti in meno, rispetto allo stesso periodo del 2017, tra i lavoratori che hanno tra i 30 e i 49 anni di età, mentre il calo è più ridotto per chi ha oltre 50 anni. Si rileva un aumento dei casi tra i giovani fino a 29 anni e tra chi ha tra i 60 e i 69 anni.

Le denunce di infortunio mortale sono state 587, 4 in meno rispetto al 2017. Sono diminuiti i casi in occasione di lavoro, mentre sono aumentati dell’8,1% i casi in itinere. La diminuzione riguarda gli uomini, mentre rimane costante rispetto all’anno precedente il numero dei decessi registrato per le donne (60 casi sia per il 2017 che per il 2018).

Una morte su due ha coinvolto lavoratori di età compresa tra i 50 e i 64 anni, una fascia sempre più colpita da incidenti.

Le denunce di malattia professionale sono state 37.501, in crescita del 3,5% rispetto al 2017.

Al Sud si concentra quasi 1/4 del totale dei casi, mentre la Toscana è la regione con il più elevato numero di richieste di riconoscimento all’Inail.

Le patologie del sistema osteo-muscolare e del tessuto connettivo rappresentano le malattie professionali più denunciate.

I dati si consolideranno nei prossimi mesi, anche in base ai casi che l’Inail “certificherà” come effettivamente connessi a motivi di lavoro. 

 

(Foto disponibile su Flickr, di Phillie Casablanca, su Licenza Creative Commons)

vai all'archivio »


Continua

Questo sito Web utilizza i cookie. Continuando a utilizzare questo sito Web, si presta il proprio consenso all'utilizzo dei cookie.
Per maggiori informazioni sulle modalità di utilizzo e di gestione dei cookie, è possibile leggere l'informativa sui cookies.