Primo piano - Furto dati utenti

  • Condividi Inas.it su FaceBook

Furto dati utenti

10-09-2018

Aggiornamento: 11 settembre 2018

Segnaliamo che al momento non è possibile accedere all’Area Riservata, che è stata interdetta al pubblico per effettuare i necessari controlli. Per sapere quando sarà possibile modificare la propria password, si invita l’utenza a verificare su questa pagina l’avviso di ripristino dell’accesso. 

Si segnala, inoltre, che i servizi di prenotazione degli appuntamenti online e “Chiedi all’esperto” rimarranno sospesi fino alla riattivazione dell’Area Riservata. Per esigenze relative ai servizi di assistenza previdenziale si prega di contattare direttamente la sede prescelta, i cui recapiti sono disponibili al seguente indirizzo http://www.inas.it/seleziona-regione.php?stato=Italia

 

Aggiornamento: 10 settembre 2018

Stiamo effettuando verifiche urgenti circa la recente violazione dei dati registrati sul sito www.inas.it.

I dati sottratti sono unicamente quelli anagrafici e quelli di registrazione degli utenti al sito (indirizzo e-mail, password e, ove indicati, numero di telefono e professione). Ci preme sottolineare che i dati relativi alle pratiche aperte presso le nostre sedi non sono conservati sul database del nostro sito web e non sono quindi stati oggetto della violazione.

La violazione è stata immediatamente denunciata al Garante per la Privacy e alla Polizia Postale e sono in corso verifiche approfondite per riportare il sistema alla normale operatività.

Siamo consapevoli del fatto che questo incidente causa disagi ai nostri utenti: li stiamo contattando tutti per scusarci dell’inconveniente e continueremo a tenerli informati nei prossimi giorni attraverso questa pagina. Vi preghiamo quindi di tornare a consultarla per tutti gli aggiornamenti.

Precisiamo che Inas Cisl non effettua richieste di informazioni personali o invio di allegati tramite e-mail e chiediamo ai nostri utenti di prestare la massima attenzione a contatti di questo tipo, che potrebbero purtroppo essere messi in atto da chi ha sottratto i dati per scopi fraudolenti.

vai all'archivio »


Continua

Questo sito Web utilizza i cookie. Continuando a utilizzare questo sito Web, si presta il proprio consenso all'utilizzo dei cookie.
Per maggiori informazioni sulle modalità di utilizzo e di gestione dei cookie, è possibile leggere l'informativa sui cookies.