INAS - Glossario

  • Condividi Inas.it su FaceBook

Non conoscete esattamente il significato di qualche sigla o di qualche parola incontrata nel sito o comunque relativa ad argomenti che si riferiscono all'assistenza sociale?
Nel glossario potete trovare numerose definizioni che vi aiuteranno ad orientarvi in un linguaggio talvolta noto solo agli addetti ai lavori.
Scegliete una lettera nell'indice alfabetico qui sopra per cercare un termine e la sua definizione.


Rating

Valutazione della qualità e dell’affidabilità di una società o delle sue emissioni di titoli di debito sulla base della solidità finanziaria della società stessa e delle sue prospettive. Tale valutazione viene eseguita da agenzie specializzate e può fornire una indicazione sul grado di rischio di una obbligazione. La valutazione è espressa in base a codici standard.

Reddito Complessivo

Nella previdenza complementare, è il reddito su cui si calcola il limite percentuale di deducibilità (10%) per i contributi versati: esso è costituito da qualsiasi reddito percepito dal lavoratore in via occasionale o continuativa.

Reddito di Riferimento

Reddito fittizio utilizzato per il calcolo della “tassazione separata”. Il calcolo è espressamente riportato sul TUIR (Testo Unico delle Imposte dei Redditi).

Regolamento

Documento che completa lo statuto e ne rappresenta l’applicazione diretta. Contiene le modalità di funzionamento del Fondo.

Rendiconto

Estratto conto della posizione contributiva. Viene spedito una volta all’anno.

Rendita

Somma erogata a cadenza prefissata (mensile, bimestrale, trimestrale…), al netto delle tasse previste dalla legislazione fiscale.

Rendita temporanea

Somma erogata periodicamente al beneficiario in un determinato periodo finito di tempo. La pensione di reversibilità ai figli è un esempio di rendita temporanea in quanto liquidata fino al compimento della maggiore età o fino al massimo dei 26 anni se studente.

Rendita vitalizia

Somma erogata periodicamente al beneficiario per tutta la durata della permanenza in vita. Nella forma obbligatoria, la pensione di vecchiaia e di anzianità sono due esempi di rendite vitalizie.

Requisiti per il diritto a pensione

Raggiungimento di una determinata età e di un certo numero di contributi necessari per acquisire il diritto a pensione.

Retributivo

Sistema di calcolo delle pensioni adottato dal sistema pubblico fino al 1995i. Per determinare l’importo della pensione, con tale sistema si prendono a riferimento le retribuzioni pensionabili dell’ultimo periodo lavorativo, moltiplicato per gli anni di anzianità contributiva maturata. Dal 1996 è stato sostituito dal sistema di calcolo contributivo (riforma Dini), in modo graduale salvando i diritti acquisiti per le quote pensione maturate anteriormente alla riforma.

Retribuzione pensionabile

Elemento del calcolo, nel sistema retributivo/reddituale, che permette di individuare le retribuzioni medie di un dato periodo.

Retribuzione pensionabile (o imponibile)

E’ costituita dall’insieme delle voci sulle quali viene applicata la contribuzione previdenziale e che per tale ragione entrano a far parte del calcolo pensionistico. Nel sistema della previdenza complementare la base imponibile è definità dall’art. 8 del D.Lgs. 124/93, che prevede che per i lavoratori dipendenti il contributo al fondo pensione sia stabilito in percentuale della retribuzione valida ai fini del TFR. In via alternativa la contribuzione può ricadere anche su altri elementi particolari della retribuzione. La contrattazione in tal caso gioca un ruolo importante.

Reversibilità

Prestazione pensionistica, erogata ai superstiti di assicurato titolare di pensione diretta.

Riccometro

vedi "Ise"

Ricongiunzione

Permette di ricongiungere in un'unica gestione previdenziale i periodi di iscrizione versati presso diverse gestioni, al fine di conseguire una sola pensione.

Ricostituzione

Nuova liquidazione di un trattamento di pensione Inps con la valutazione di contributi prima non considerati, che si riferiscono a periodi anteriori alla decorrenza della pensione.

Riesame amministrativo

Atto amministrativo, con il quale si intende rivedere un provvedimento definitivo già emesso.

Riliquidazione

Nuova liquidazione di un trattamento previdenziale, quando la prima volta sia stato liquidato sulla base di dati errati.

Ripartizione

Costituisce il sistema tecnico-finanziario di gestione di un fondo pensione alternativo alla capitalizzazione. Si basa sul prelievo di una contribuzione sui lavoratori attivi e sulla ripartizione di questa somma ai pensionati. Pertanto la ripartizione si fonda su un trasferimento di risorse tra generazioni: dagli attivi ai pensionati. Tale sistema è tipico della previdenza obbligatoria. La complementare italiana utilizza il sistema a capitalizzazione.

Ripetizione di indebito

È la richiesta della restituzione di ciò che è stato pagato e che invece non era dovuto.

Riscatto

Operazione con la quale si realizza la copertura contributiva di periodi scoperti da contribuzione, mediante il versamento di una determinata somma.

Riscatto

Somma erogata in un’unica soluzione, al netto delle tasse previste dalla legislazione fiscale.

Riserva matematica

Rappresenta il capitale che deve essere accantonato per assicurare in termini attuariali il pagamento della pensione.

Rivalutazione monetaria

Somma dovuta a titolo di risarcimento del danno, subito a causa dell’erogazione di una prestazione previdenziale (ad es. la pensione) avvenuta in ritardo, valutata sulla base della svalutazione della moneta nel corso del tempo