Chi sei: Mamma/Papà Pensionato Immigrato Dipendente privato
Cosa cerchi: Famiglia

Anf per stranieri lavoratori dipendenti e pensionati da lavoro dipendente

  • Condividi Inas.it su FaceBook

Tag: Pensione


25-03-2013

L'assegno al nucleo familiare (anf) è una prestazione, nata per supportare le esigenze economiche della famiglia del lavoratore dipendente e del pensionato da lavoro subordinato, anche se stranieri. L'anf  dal 1988 ha sostituito gli assegni familiari, e non viene più determinato in relazione ai singoli familiari a carico, ma sulla base della consistenza numerica e reddituale complessiva del nucleo familiare.

L’assegno per il nucleo familiare spetta al lavoratore o al pensionato, se il reddito complessivo del nucleo familiare non supera determinati limiti, stabiliti annualmente.

Sono considerati componenti del nucleo:

I familiari del cittadino straniero, che lavora o gode di pensione in Italia:


Il reddito da considerare per verificare il diritto a questa prestazione è quello percepito nell’anno solare precedente il 1° luglio di ciascun anno. Sono rilevanti tutti i redditi conseguiti da ciascun componente del nucleo (redditi da lavoro dipendente, reddito della casa di abitazione, pensioni dirette e ai superstiti erogate da Stati esteri, ecc..), con esclusione:

La prestazione è erogata a condizione che il 70% del reddito complessivo del nucleo derivi da lavoro dipendente (ovvero da pensione o da altro trattamento previdenziale).

Misura

L’importo dell’assegno è direttamente proporzionale al numero dei componenti della famiglia ed inversamente proporzionale al reddito complessivo degli stessi: in sostanza, se il reddito familiare è basso e gli aventi diritto sono tanti, l’assegno sarà più consistente. Ogni anno, vengono pubblicate delle tabelle, che riportano i limiti di reddito e gli importi dell'assegno, relativi alle diverse tipologie di nucleo e rapportati al numero dei componenti dello stesso.

Domanda

I lavoratori dipendenti presentano la domanda al proprio datore di lavoro, i pensionati invece alla competente sede dell’Istituto di previdenza; nell’apposito modulo va indicata l’esatta composizione del nucleo familiare, con i relativi redditi.

Il diritto a percepire l’anf si prescrive nel termine di 5 anni.

Per maggiori informazioni e per la presentazione della domanda, rivolgiti alla sede del Patronato INAS più vicina. Il servizio è completamente gratuito.