Chi sei: Dipendente privato
Cosa cerchi: Pensioni

Pensione ai superstiti dei lavoratori marittimi

  • Condividi Inas.it su FaceBook

Tag: Superstiti


15-03-2013

I marittimi, attualmente, sono iscritti al Fondo pensioni lavoratori dipendenti dell'Inps e, pur conservando alcune specificità, possono accedere a tutte le prestazioni Ago.

La pensione ai superstiti è la prestazione che viene liquidata agli eredi del lavoratore (pensione indiretta), o del titolare di pensione diretta (pensione di reversibilità).

I superstiti aventi diritto alla prestazione sono:

Se il lavoratore deceduto era già titolare di una pensione, il diritto alla reversibilità c’è sempre; se invece è morto mentre ancora lavorava, il diritto alla pensione indiretta c’è soltanto se aveva almeno 15 anni di contributi in tutta la sua vita lavorativa, oppure anche solo 5 anni di contributi in tutto, di cui però almeno 3 nell’ultimo quinquennio.

In assenza dei requisiti per la pensione indiretta, viene liquidata una indennità una tantum:

L’importo della pensione ai superstiti, calcolato sulla base della pensione che spettava o che sarebbe spettata al defunto, varia in relazione al superstite:

*Dal 2012, in caso di matrimonio contratto dal dante causa in età superiore a 70 anni, qualora la differenza di età tra il defunto ed il coniuge superstite sia superiore a 20 anni, la percentuale spettante è ridotta del 10% per ogni anno di matrimonio mancante al decimo (tale riduzione non è applicata in presenza di figli minori, studenti o inabili).

La somma delle percentuali non può essere superiore al 100% della pensione spettante al defunto.

La pensione così calcolata, a partire dal 17.8.95, viene ridotta in presenza di redditi del superstite superiori a certi limiti, determinati annualmente: la riduzione, pertanto, può essere del 25%, del 40% o del 50%.

Alcune particolarità

Una tantum per gli eredi del marittimo deceduto in mare

Dal 2005, gli eredi (coniuge e figli legittimi o, in mancanza di questi, genitori e fratelli/sorelle) del marittimo, deceduto in mare per causa di servizio, hanno diritto ad un risarcimento, consistente in una somma una tantum. Per ottenerlo, devono presentare apposita richiesta al ministero delle Politiche Agricole, tramite la Capitaneria di porto,  entro sei mesi dal decesso o dalla dichiarazione di morte presunta del familiare.


Per la verifica della tua posizione contributiva, per il calcolo previsionale e per la presentazione della domanda di pensione rivolgiti alla sede del Patronato INAS più vicina. Il servizio è completamente gratuito.