Chi sei: Dipendente privato
Cosa cerchi: Pensioni

La ricostituzione e il supplemento di pensione per gli agricoli dipendenti

  • Condividi Inas.it su FaceBook

Tag: Supplemento di pensione


15-02-2013

Sono assicurati presso l'Inps i lavoratori agricoli dipendenti con qualifica di operai a tempo determinato (OTD) e operai a tempo indeterminato (OTI). Le modalità dell'accesso pensionistico sono le medesime di quelle previste per gli altri lavoratori dipendenti del settore privato.

L'importo del trattamento pensionistico già liquidato può essere incrementato con ulteriore contribuzione, relativa sia a periodi precedenti (ricostituzione), che successivi (supplemento) alla decorrenza della pensione.

Ricostituzione

I contributi non accreditati (sia effettivi che figurativi), relativi a periodi precedenti alla decorrenza di pensione (e quindi non calcolati in sede di relativa liquidazione), determinano una quota pensionistica che può essere aggiunta, in epoca successiva, all’importo in godimento, presentando un’apposita domanda, indicata come “ricostituzione”.

Il ricalcolo della pensione, tramite la ricostituzione, ha effetto dalla decorrenza originaria del trattamento interessato, nei termini della prescrizione decennale.

Supplemento

I contributi (sia effettivi che figurativi) accreditati o versati successivamente alla decorrenza della pensione, determinano una quota pensionistica che può essere aggiunta all’importo in godimento, tramite un’apposita domanda, indicata come “supplemento”.
Tale quota è riconosciuta anche al titolare di pensione liquidata con 40 anni di contribuzione.

La domanda stessa può essere presentata:

a) dopo che siano trascorsi almeno 5 anni dalla data di decorrenza della pensione (o dalla decorrenza del precedente supplemento)

oppure

b) per una sola volta, dopo che siano trascorsi soltanto 2 anni dalla data di decorrenza della pensione (o dalla decorrenza del precedente supplemento), a condizione che sia stata compiuta l’età pensionabile.

La L. 214/2011 ha modificato l'età pensionabile, elevando i requisiti anagrafici.

Tuttavia, per i seguenti soggetti, rimane cristallizzato il requisito anagrafico vigente alla data del 31.12.2011:

a. titolari di pensione di vecchiaia entro il 31.12.2011;
b. titolari di pensione di anzianità che hanno perfezionato entro il 31.12.2011 anche l'età pensionabile prevista dalla normativa previgente;
c. lavoratori che hanno perfezionato il requisito anagrafico e contributivo per il diritto alla pensione di vecchiaia entro il 31.12.2011, anche se la decorrenza è successiva a tale data (finestre mobili).

Verrà, invece, applicato il nuovo requisito anagrafico previsto dalla L. 214/2011 (considerando anche gli incrementi legati alla speranza di vita) per i seguenti soggetti:

a. titolari di pensione di anzianità (nel sistema retributivo o misto) anteriormente al 1° gennaio 2012 che non hanno perfezionato entro il 31.12.2011 il previgente requisito anagrafico previsto per la pensione di vecchiaia;
b. titolari di pensione di vecchiaia nel sistema contributivo (cosiddette quote) anteriormente al 1° gennaio 2012 che non hanno perfezionato entro il 31.12.2011 il previgente requisito anagrafico previsto per la pensione di vecchiaia;
c. coloro che maturano i requisiti per il diritto alla pensione di vecchiaia e anticipata a decorrere dal 1° gennaio 2012.

Il supplemento della pensione decorre dal primo giorno del mese successivo a quello di presentazione della relativa domanda.

Per la presentazione della domanda di riscostituzione o supplemento rivolgiti alla sede del Patronato INAS più vicina. Il servizio è completamente gratuito.