Chi sei: Lavoratore autonomo
Cosa cerchi: Pensioni

La pensione supplementare per i lavoratori autonomi

  • Condividi Inas.it su FaceBook

Tag: Pensione


15-02-2013

Sono considerati lavoratori autonomi: gli artigiani, i commercianti, i coltivatori diretti e gli Iap (imprenditori agricoli professionali). Tali lavoratori sono iscritti presso le relative Gestioni speciali, istituite presso l'Inps.
    
La pensione supplementare spetta, per la contribuzione accreditata all'Inps (sia presso il Fondo pensioni lavoratori dipendenti che nelle gestioni autonome), al titolare di pensione liquidata da altra forma di previdenza obbligatoria per i lavoratori dipendenti (ad esempio, dall'Inpdap).

Per ottenere questa prestazione, l'ammontare dei contributi versati non deve essere sufficiente a dar luogo ad un trattamento di pensione autonomo.

Il richiedente deve aver cessato l'attività lavorativa dipendente.

La pensione supplementare è reversibile ai superstiti, ma non può essere integrata al trattamento minimo.

Per le domande di pensione supplementare presentate dal 1° gennaio 2012 occorre fare riferimento alla nuova età pensionabile (con l'incremento legato alla speranza di vita), rimanendo irrilevante il fatto che al 31.12.2011 sia stato già raggiunto il previgente requisito anagrafico.


Per la verifica corretta della tua posizione contributiva, per il calcolo previsionale e per la presentazione della domanda di pensione rivolgiti alla sede del Patronato INAS più vicina. Il servizio è completamente gratuito.