Chi sei: Pensionato
Cosa cerchi: Pensioni

La maggiorazione sociale per i lavoratori agricoli dipendenti

  • Condividi Inas.it su FaceBook

Tag:


15-02-2013

Sono assicurati presso l'Inps i lavoratori agricoli dipendenti con qualifica di operai a tempo determinato (Otd) e operai a tempo indeterminato (Oti). Le modalità dell'accesso pensionistico sono le medesime di quelle previste per gli altri lavoratori dipendenti del settore privato.

Nel corso degli anni, la legge ha previsto, a sostegno dei titolari di pensione con importo basso ed in presenza di specifici requisiti, alcune forme di aumento dell’importo della pensione.

A partire dal 1985, sulle pensioni minime e sulla pensione sociale e sull’assegno sociale è riconosciuta una maggiorazione sociale, che consiste in un aumento dell'importo della pensione. Tale beneficio è concesso ai pensionati dai 60 anni in poi, a condizione che non vengano superati determinati limiti di reddito (personali e coniugali), stabiliti annualmente.

A decorrere dall’anno 2001, è inoltre riconosciuto - in presenza di determinati limiti reddituali, ai titolari di pensione a carico dell’assicurazione generale obbligatoria ed altre forme di previdenza obbligatoria, di importo complessivo annuo non superiore al trattamento minimo - un importo aggiuntivo, pari a euro 154,94, liquidato in sede di erogazione della 13^ mensilità.

A partire dal 2002, in presenza di determinati limiti reddituali (personali e coniugali) è riconosciuta una maggiorazione che aumenta l’importo mensile della pensione fino a 516,46 euro (cosiddetto “milione” al mese), somma aggiornata annualmente. Tale beneficio spetta: ai titolari di pensione a carico dell’assicurazione generale obbligatoria ed altre forme di previdenza obbligatoria, ai pensionati sociali e ai titolari di assegno sociale dai 70 anni in poi, e agli invalidi civili totali, sordomuti o ciechi civili assoluti titolari di pensione, ai pensionati di inabilità dai 60 anni in poi.

Dal 2007 è prevista l’erogazione di una somma aggiuntiva (cosiddetta “quattordicesima”) in favore dei titolari di pensione di importo basso, che abbiano almeno 64 anni di età e posseggano un reddito personale il cui limite è aggiornato annualmente. L’importo della quattordicesima varia in base all’anzianità contributiva del pensionato, ed è differenziata in relazione al tipo di pensione (da lavoro dipendente o autonomo).

Per la verifica e l’eventuale presentazione della domanda di maggiorazione sociale rivolgiti alla sede del Patronato INAS più vicina. Il servizio è completamente gratuito.