Cosa cerchi: Previdenza internazionale

Israele

  • Condividi Inas.it su FaceBook

Tag:


01-06-2017

Lo Stato italiano ha stipulato convenzioni bilaterali di sicurezza sociale con gli Stati dove è risultato più rilevante il fenomeno dell’emigrazione italiana. Tali accordi hanno lo scopo di garantire la parità di trattamento tra i cittadini dei Paesi contraenti; inoltre, permettono al lavoratore di acquisire il diritto a pensione sommando i periodi di assicurazione versati in Italia e in ciascuno Stato convenzionato (totalizzazione dei periodi assicurativi) e di conservare il diritto alle prestazioni previdenziali anche in caso di trasferimento da o verso uno Stato estero convenzionato. La normativa delle convenzioni non si estende ai pubblici dipendenti, ad eccezione di quelli dell'Argentina, Giappone, Israele e Turchia.

La convenzione bilaterale di sicurezza sociale siglata con Israele è in vigore dal 1° dicembre 2015.

Chi ne ha diritto

Hanno diritto all’applicazione della convenzione tutte le persone - a prescindere dalla loro cittadinanza - che siano o siano state soggette alla legislazione di una o di entrambe le parti contraenti, nonché i familiari e i superstiti di tali soggetti. E'' garantita la parità di trattamento ai cittadini dei Paesi contraenti, ai rifugiati, agli apolidi e ai loro familiari e - per quanto riguarda l''Italia - ai cittadini dell''Unione europea che risiedano nel territorio di uno dei due Paesi: tutti questi soggetti hanno gli stessi diritti e gli stessi obblighi previsti dalla legislazione dello Stato contraente nel cui territorio risiedono, come se ne fossero cittadini.

Pensione di vecchiaia

I requisiti per accedere alla pensione in Israele sono i seguenti:

 

Prestazioni

In Italia le prestazioni garantite sono:

 

In Israele le prestazioni garantite sono:

 

 

L’accordo non si applica alla legislazione dei due Stati contraenti per quanto riguarda la pensione sociale, altri benefici non contributivi erogati con fondi pubblici e l''integrazione del beneficio minimo, ad eccezione di quanto previsto dalla legislazione italiana.

Pensione italiana

Il requisito contributivo minimo per operare la totalizzazione è di 52 settimane di contributi.
Quello per il diritto all''integrazione al trattamento minimo varia a seconda che la residenza sia:

Totalizzazione multipla

Non è prevista. 

La totalizzazione multipla è un meccanismo previsto da alcune convenzioni che consente di sommare i periodi di contribuzione versata in Paesi terzi con i quali ambedue gli Stati contraenti hanno stipulato una convenzione di sicurezza sociale.

Polo territoriale Inps

La sede Inps competente per la gestione per la trattazione delle domande di pensione in convenzione con Israele è quella di Asti.

Per maggiori informazioni e per la presentazione della domanda di pensione in convenzione, rivolgiti alla sede del patronato Inas più vicina.