Chi sei: Immigrato
Cosa cerchi: Immigrati

Visto di ingresso e permesso di soggiorno

  • Condividi Inas.it su FaceBook

Tag: Permesso di soggiorno


18-11-2015

Si può entrare in Italia per motivi di turismo, lavoro (subordinato, stagionale e autonomo), motivi familiari, studio, cure mediche, culto, formazione, adozione o affidamento, ecc.
Prima di arrivare in Italia è necessario ottenere, presso l’Ambasciata o il Consolato italiano del luogo di origine o di residenza, il visto di ingresso per uno dei motivi sopra citati. Solo alcuni paesi sono esenti dall’obbligo del visto di ingresso per turismo.

Il permesso di soggiorno deve essere richiesto alla Questura competente per soggiorni in Italia superiori a tre mesi entro otto giorni dall’ingresso. Il permesso è rilasciato, su presentazione del visto d'ingresso ed altri documenti, per motivi di lavoro subordinato, stagionale, autonomo, per ricongiungimento familiare, studio, cure mediche, richiesta di asilo, ecc.

Contestualmente alla domanda di rilascio del permesso di soggiorno, è prevista la sottoscrizione dell’Accordo di integrazione, articolata per crediti.

Il permesso di soggiorno è generalmente rilasciato entro 60 giorni dalla richiesta e la durata dipende dal motivo del soggiorno, dalla durata del rapporto di lavoro o del permesso del familiare che provvede al mantenimento.

È necessario richiedere il rinnovo del permesso almeno 60 giorni prima della scadenza ed è consentito eccezionalmente fino a 60 giorni dopo.

Per ogni richiesta di rilascio e di rinnovo del permesso di soggiorno è previsto il versamento di un contributo sul soggiorno correlato alla durata di validità del permesso.

Il permesso di soggiorno di lunga durata (superiore a 3 mesi) dà diritto a fissare la residenza in Italia, ottenere la carta di identità, usufruire dell’assistenza sanitaria, dell’alloggio, dello studio e di tutta una serie di misure di integrazione sociale a livello locale.

Per ulteriori informazioni e per l'assistenza alla compilazione ed all'invio telematico della domanda di rilascio o rinnovo dei titoli di soggiorno recati al Patronato INAS.